Sei in: Home Page > Articoli pubblicati > Atkinson racconta la campagna d'Italia: dai grandi generali agli scugnizzi di Napoli

Articoli pubblicati

Atkinson racconta la campagna d'Italia: dai grandi generali agli scugnizzi di Napoli di Fabio Fattore

Pubblicato su: Il Messaggero.it
Data: 07/02/2009

ROMA - L’Italia, dicevano gli strateghi americani al premier britannico Winston Churchill ricordandogli la massima di Napoleone, è uno stivale: s’infila dall’alto. Risalire la penisola da Sud, al contrario, poteva costare caro. Gli alleati, tra l’estate del 1943 e la primavera del ’45, quel conto salato lo pagarono tutto, in una delle campagne più sanguinose e controverse della Seconda guerra mondiale: 312mila tra morti e feriti, pari al 40 per cento delle perdite che ebbero dallo sbarco in Normandia fino a Berlino. Per di più senza ottenere risultati decisivi: quando la Germania collassò, i tedeschi erano ancora attestati sulla linea Gotica e tenevano il Nord Italia.
Alla campagna d’Italia Rick Atkinson, già vicedirettore del Washington Post e vincitore di due Pulitzer, ha dedicato Il giorno della battaglia (Le Scie Mondadori, 906 pagine): secondo della trilogia sulla liberazione cominciata nel 2004 con Un esercito all’alba sul Nordafrica e che terminerà con lo sbarco in Normandia. E’ un libro avvincente, un affresco dove c’è spazio per i grandi generali e i singoli soldati, le strategie e gli episodi. C’è spazio addirittura per gli italiani, che la guerra in casa la subirono: disprezzati, bombardati, violentati, nel migliore dei casi non capiti. Comincia il generale Patton in Sicilia: i soldati italiani che si arrendono in massa, i casi - ben documentati - di prigionieri massacrati dagli americani. «Razza strana questi italiani», scrive un tenente alla madre, «si direbbe che siamo i loro liberatori anzichè i catturatori». Gli alleati ci mettono del tempo prima di adattarsi al nuovo ruolo, quello di liberatori e non di conquistatori: la mancata difesa di Roma e la tragica farsa dell’8 settembre ne sono un esempio. Badoglio cerca di ottenere un rinvio rimangiandosi la resa già firmata, Churchill esplode: «Che altro ci si poteva aspettare da quei “dago”?» con quel dispregiativo “dago” usato nei paesi anglosassoni per bollare gli emigrati italiani e latini in genere. Alla fine re Vittorio Emanuele fugge, con il figlio Umberto che si tiene la testa tra le mani e mormora: «Dio mio, che figura». E al disprezzo alleato si aggiunge quello tedesco. Il feldmaresciallo Kesserling, italofilo fino al giorno prima, non può che dire degli italiani: «Io li amavo, ora posso soltanto odiarli».
L’autore, invece, gli italiani si sforza di capirli. A volte ci riesce, a volte forse meno. Libero in ogni caso da tabù, miti e pregiudizi di casa nostra. Racconta la Napoli degli scugnizzi che prendono le armi contro i tedeschi e quella che poi si svende agli alleati; l’attentato di via Rasella, le torture di via Tasso e le Fosse Ardeatine. Incontra anche, come semplice comparsa però, il ricostituito Regio Esercito, che a Monte Lungo avanza per la prima volta contro i tedeschi: «Per pochi, gloriosi minuti tutto andò bene», poi «i granatieri tedeschi si gettarono con pugni e mazze sulle scompigliate file degli italiani. I superstiti, così si disse, furono quelli che sapevano correre più veloci».
Atkinson guida il lettore dalla Sicilia a Salerno, ai mattatoi di Cassino e Anzio, fino alla liberazione di Roma, in una campagna che si fa sempre più piena di errori: tra paracadutisti decimati dal fuoco amico, la “testa di ponte” che resta intrappolata tra Anzio e Nettuno, gli attacchi frontali e la distruzione del monastero di Montecassino, le rivalità tra generali smaniosi di entrare nella Città eterna. L’azione rallenta, la Normandia le ruba la scena (Roma cade il 4 giugno del ’44, due giorni dopo c’è il D-Day), la campagna d’Italia finisce in un vicolo cieco: ma il libro di Atkinson termina prima, del resto le battaglie lungo la linea Gotica e la guerra civile nelle retrovie non interessano più di tanto la storiografia statunitense.
Termina qui: cercando di capire se e quanto sia valsa la pena, la campagna d’Italia, se e quanto sia stata una scelta inevitabile.
Un libro serio, schietto e ricco: di fatti e riflessioni. Unica nota stonata, forse, la traduzione: ottima la lingua italiana, ma una revisione tecnico-militare non avrebbe guastato. Reggimenti che diventano divisioni, mezzi da sbarco scambiati per carri armati, metri confusi con iarde, toponomastica un po’ tradotta un po’ no (il quartiere Colosseo di Cassino che resta “Coliseum”...) e altre “stecche” del genere. Peccato.